Spedizioni gratuite con ordini superiori a 100€
Spedizioni gratuite con ordini superiori a 100€
Carrello 0

Chi siamo

WAXMORE è un brand Made in Florence che crea, realizza e produce divise professionali con un tocco di stile per i professionisti della ristorazione e per gli amanti della cucina.

Co-creato da due donne, Maria Cristina Manca, antropologa e stilista e Elena Fortuna Di Bella Manca, per la comunicazione e marketing, il laboratorio visitabile si trova in Via Gioberti 61 a Firenze.

Rispondiamo all'esigenza di eleganza e originalità di tutti coloro che lavorano a stretto contatto con il pubblico e sanno che una divisa personalizzata può fare la differenza con altre realtà della ristorazione.
Tutti i capi sono pratici, di ottima qualità e fashion, aggiungendo un tocco di colore alla tinta unita, creando il giusto mix tra comodità, estetica, fashion, ottimi tessuti e fattura, idee innovative, prezzo e ispirazione.

Maria Cristina, co-founder di Waxmore è la personal stylist che può aiutarvi nella scelta di divise e tessile che rispecchino la vostra attività.

WAXMORE è un’azienda ma anche un progetto di responsabilità sociale di impresa: offre infatti un laboratorio formativo di saperi condivisi e di trasferimento delle competenze, inclusione socio-lavorativa e integrazione di migranti e richiedenti asilo nell’ambito della moda, taglio e cucito. 

IL PROGETTO

Da febbraio a luglio 2017 quattro richiedenti asilo dei centri di accoglienza (CAS) di Firenze e Prato hanno svolto nel nostro laboratorio il training on the job “Voglio Fare il Sarto”: 800 ore in taglio, moda e cucito, un percorso per dare competenze spendibili in Italia e nei Paesi di origine. Uno degli studenti, Youssif, adesso collabora con noi di WAXMORE: una risposta reale e positiva per dire che il progetto pilota ha funzionato.

Questo è stato possibile anche grazie alla raccolta fondi lanciata sulla piattaforma di crowdfunding Eppela in collaborazione con la Fondazione Il Cuore si Scioglie.

Dopo il primo training ne abbiamo fatto un secondo, finanziato questa volta in toto dalla Fondazione il Cuore si Scioglie in collaborazione con l’Associazione culturale Officina Creativa, fondata dal team di WAXMORE e dagli studenti di "Voglio fare il sarto" per promuovere l’interculturalità. 

" I tessuti Wax parlano, si dice in vari Paesi dell’Africa. Raccontano storie, emozioni con un linguaggio che si sostituisce alla parola. Trasformare i Wax e unirli ai tessuti tinta unita, vuol dire per WAXMORE dargli una lettura altra, tradurli in un linguaggio che esce dai canoni dell’identità e dell’appartenenza africana per diventare universale. "